Scopriamo assieme tutto sulle Campagne Adwords e sul mondo della pubblicità online su Google.

Cos’è Adwords (o Google Ads) ?

Google Ads o Adwords è una piattaforma online per inserire spazi pubblicitari all’ interno delle pagine di ricerca di Google, siti web che ospitano spazi pubblicitari, You Tube, e G-mail. Rete di ricerca, rete display, app, video ( You Tube ) e Gmail costituiscono così la più grande rete di advertising online.

Per aiutarti a capire queste differenti funzionalità, ti illustrerò alcuni esempi concreti evidenziandone le caratteristiche principali.

Prima di cominciare però vediamo assieme cos’è Google.

 

Prima di cominciare: Cos’è Google?

 

Cos’è Google? Google è il principale motore di ricerca al mondo.

 A livello mondiale, Google ha una quota del mercato delle ricerche online pari all’81%; al secondo posto troviamo Bing, il motore di ricerca di casa Microsoft, con il 7%, mentre, la medaglia di bronzo, spetta a Baidu, il motore di ricerca cinese, che ha una quota di mercato pari al 6%; tutti gli altri possiedoto quote pressochè ininfluenti.

In Italia la quota del mercato di Google sale al 93%.

Un aspetto interessante è che Google continua ad incrementare la sua posizione dominante.

 Su Google in tutto il mondo vengono effettuate ogni giorno circa 4,5 miliardi di ricerche; un numero impressionante pensando che gli utenti attivi su Internet ogni giorno sono solo una parte dei 3,4 miliardi di persone che popolano il nostro pianeta.

Una ricerca su Google può produrre diverse tipologie di risultati. I risultati a pagamento (annunci di Google Adwords), i risultati “organici”, che vengono visualizzati in un ordinati in base ad una “classifica” attraverso l’uso di un algoritmo segreto e molti altri fattori, business locali con le schede Google my Business, immagini, notizie ecc..

 Con ogni suo risultato l’intento Google è quello di mostrare all’utente i migliori risultati possibili per soddisfare la sua ricerca.

Google ADS o Adwords ?

 

Prima di iniziare ad illustrare le differenti tipologie di campagne vorrei specificare che Google Adwords e Google ADS sono esattamente la stessa cosa.  

Dal 24 Luglio 2018 la piattaforma ha subito un rebranding cambiando la sua denominazione da Adwords a Google ADS, ma, non essendo stata “pienamente” accettata dalla maggior parte degli advertiser, ancora oggi viene più spesso chiamata Adwords. Io utilizzerò indifferentemente entrambe le denominazioni.

Cosa sono le Campagne Adwords (o Google ADS)?

 

Cosa sono le campagne Adwords (o campagne google ads)? La pubblicita su Google può essere creata, attraverso la piattaforma Adwords, ideando differenti tipologie di campagne. Le campagne Adwords differiscono tra di loro per diverse tipologie di annunci, differenti reti in cui vengono distribuite, differenti finalità e differenti tipologie di target.

 

Le campagne Adwords ad oggi disponibili sono:

  • Campagne su Rete di Ricerca
  • Campagne Display
  • Campagne Video
  • Campagne Gmail
  • Campagne Universali per App.

Le Campagne Adwords (o Google ADS): La Rete di ricerca.

 

Con le campagne in Rete di Ricerca Google ADS puoi selezionare le keywords e le query più importanti per il tuo business e destinare una determinata somma di denaro (da stabilire solamente dopo un’approfondita analisi di settore e dei costi delle keywords) per apparire tra i primi risultati nella SERP di Google. La SERP, acronimo di “Search Engine Results Page”, è la pagina dei risultati di ricerca di Google.

Gli annunci della rete di ricerca sono esclusivamente testuali.

Nell’ immagine sono illustrate le tre tipologie di risultati principali che puoi trovare dopo aver effettuato una ricerca di Google:

 

 

 

In quest’ esempio sono presenti due tipologie di risultati:

  • Segnalati nel riquadro rosso, sono i risultati a pagamento, gli annunci (sono infatti segnalati da una scritta in grassetto nero “Ann.”) di Google Ads rete di ricerca. Quindi quegli annunci che creiamo con un campagna Adwords.
  • Segnalati nel riquadro verde, sono i risultati “organici”. Il posizionamento organico dipende da molti fattori, quale rilevanza, pertinenza ed autorevolezza del sito web, della pagina o dell’articolo proposto, rispetto alla ricerca effettuata dall’ utente. Tutti questi fattori sono misurati e valutati da un algoritmo che ne decreta un “classifica” per rispondere al meglio alle ricerche degli utenti. Tutte le attività per l’ottimizzazione di un sito web al fine comparire tra i primi posizionamenti “organici” è detta SEO (search engine optimization).

 

Come puoi notare i risultati a pagamento, risultati di campagne PPC (pay per click) su rete di ricerca Google Ads, appariranno prima dei risultati organici.

Più specificatamente Google mette a disposizione delle campagne PPC 8 slot per ogni pagina dei risultati, 4 nella parte superiore della pagina (prima dei risultati organici), e 4 nella parte inferiore della pagina (dopo i risultati organici), a seconda della qualità degli annunci creati la piattaforma posizionerà i vari diversi risultati di ricerca a pagamento che concorrono per la stessa keyword.

N.B :La competizione per pubblicare degli annunci a pagamento è piuttosto alta e, se non si hanno le adeguate capacità di gestione, il rischio di buttare via tanti soldi è grande. Un campagna improvvisata e fatta male può costarti molto più del compenso di un professionista a cui rivolgersi. E portare meno risultati.

Se ti serve un consulente Adwords visita la mia pagina : Consulente Google Ads

Le campagne Adwords (Google ADS): La rete display.

 

La rete display differisce dalla rete di ricerca per il formato degli annunci e per la posizione in cui possiamo trovarli.

Innanzitutto gli annunci della rete dispaly sono di tipo “grafico-visivo”, a differenza dei risultati in rete di ricerca che, come abbiamo visto, sono esclusivamente testuali.

Agli annunci pubblicitari delle campagne display sono quei banner che vediamo quando navighiamo in un sito web.

A differenza delle campagne in rete di ricerca, che sono attivate grazie alla ricerca attiva dell’utente utilizzando determinate keywords, le campagne display si attivano attraverso la navigazione in determinati siti web che è possibile selezionare in diversi modi tra cui interessi del target, parole chiave, argomenti trattati, oppure in maniera precisa tramite i posizionamenti gestiti.

Le campagne Display sono particolarmente indicate se vuoi raggiungere potenziali clienti che ancora non sono a conoscenza dei tuoi prodotti o servizi e per obiettivi di brand awareness. Inoltre le campagne display sono molto utilizzate per creare campagne pubblicitarie che mirano a “ricordare”  i nostri prodotti ad utenti che già ci conoscono ed hanno già visitato il nostro sito web ( remarketing o retargeting ).

Le Campagne Adwords (Google ADS): Le Campagne Gmail.

 

Una particolare tipologia di campagne display sono le campagne Gmail, attraverso le quali l’inserzionista può raggiungere i potenziali clienti direttamente nella loro casella di posta elettronica. 

Effettivamente, più che una tipologia di campagna, Gmail è una tipologia di posizionamento.

Gli annunci su Gmail vengono visualizzati dall’ utente come una preview di una comune e-mail (sono comunque segnalate come annunci, ma gli utenti meno consapevoli difficilmente se ne accorgono) e a seguito del click l’advertising si espande e raggiunge le dimensioni di un’email.

L’annuncio delle campagne Google Gmail può essere composto da immagini, video o moduli incorporati.

Il costo delle Gmail Ads vengono addebitati quando l’utente clicca sull’annuncio compresso.

Le Campagne Adwords (Google ADS): Le Campagne in Google Shopping.

 

Campagne Google Ads Shopping, consistono in particolari annunci che mettono in confronto diversi prodotti, con immagine, prezzo e venditore.

Sono annunci immediati ed ideali per obiettivi di conversione all’ acquisto, in quanto intercettano i potenziali clienti quando stanno cercando attivamente i prodotti da acquistare.

Nella SERP, quando mostrati, compaiono in alto come primi risultati, anche davanti agli annunci di rete di ricerca.

 

Il motore per far girare tutte le campagne Google Shopping è il Google Merchant Center.

E’ la piattaforma che ti mostra lo stato di salute generale delle campagne Google Shopping, i prodotti approvati e quelli disapprovati, il numero di click a pagamento ricevuti e altri aggiornamenti.

Una volta verificato e rivendicato il tuo sito web, devi essere certo di soddisfare le linee guida di Merchant Center.

 

  • Per prima cosa di avere un sistema checkout sicuro: (sito web e-commerce con protocollo https ). Non possiedi il protocollo di sicurezza? Semplicemente non puoi più attivare le campagne di Google Shopping, è diventato obbligatorio.
  • l’accesso al tuo carrello deve essere garantito a tutti.
  • Deve essere impostata una lingua adatta per ogni paese di vendita.
  • Devono essere chiare le tue informazioni di contatto, fatturazione e resi. Se trascuri, anche solo uno di questi aspetti non potrai iniziare una campagna Google shopping.

 

La campagna Google Shopping è tanto performante quanto difficile da impostare. Non è semplice e immediato far partire una campagna di Google Shoppingci sono dei settaggi che dovresti affidare ad un professionista, e valutarne quindi i rapporti costi/benefici.

Le Campagne Adwords (Google ADS): Le Campagne Video.

 

Le campagne video in Adwords sono campagne di advertising in formato video che sfruttano principalmente You Tube, il secondo motore di ricerca al mondo, e l’intera rete di advertising sui siti web Goole.

 

Esistono differenti tipologie di annunci per le campagne video:

  • Annunci in-strem ignorabili: Sono gli annunci che appaiono prima dopo o durante la visualizzazione di un video su You Tube, durano massimo 15 secondi e possono essere skippati dopo pochi secondi.
  • Annunci in-stream non ignorabili: Sono gli annunci che appaiono prima dopo o durante la visualizzazione di un video su You Tube, durano massimo 15 secondi e  NON possono essere skippati dopo pochi secondi.

 

  • Annunci video discovery: Sono gli annunci video utilizzati per promuovere contenuti video in posizioni che facilitano la loro scoperta, ad esempio accanto ai video di YouTube correlati, nei risultati di ricerca di YouTube o sulla home page mobile di YouTube.
  • Annunci Bumper:  sono annunci brevi (massimo 6 secondi) ed immediati, riprodotti prima, durante o dopo la visualizzazione di un video, e NON possono essere skippati.

 

  • Annunci Outstream: Sono annunci che non con compaiono su You Tube, ma nella rete dei partner video di Google. Gli annunci bumper vengono riprodotti inizialmente con l’audio disattivato. Gli spettatori possono toccare l’annuncio per riattivare l’audio del video. Gli annunci outstream sono progettati per aumentare la copertura dei video a un prezzo conveniente.

 

Al giorno d’oggi consumiamo sempre più contenuti audiovisivi.

Sono più divertenti e meno stancanti quando si tratta di informarci e intrattenerci.

Inoltre, attraverso un contenuto video, è più facile semplice una storia e far diventare la nostra pubblicità in qualcosa che gli utenti vogliono vedere perché genera curiosità.

È ciò che viene chiamato Storytelling.

Se riusciamo a fare questo, possiamo rendere l’annuncio non come qualcosa di invadente, ma come un contenuto divertente che l’utente vuole vedere per intero.

Ecco perchè la qualità del contenuto è particolarmente importante per questo tipo di annunci, e fare video di qualità richiede budget importanti.

Fare Adv video quindi richiede una scrupolosa e pianificazione strategica di maketing.

Per saperne di più visita la pagina di supporto Google 

 

Le Campagne Adwords (Google ADS): Le Campagne universali per App.

 

Le campagne universali per app di Google Adwords sono campagne utilizzate per sfruttare la promozione di app sui dispositivi mobili. Gli annunci delle campagne universali per app sono generati automaticamente da Google ads in base ai dati che estrapola dall’ app store di riferimento dell’applicazione. La pubblicazione degli annunci avviene sulle reti Display, di Ricerca e su YouTube.

Questa tipologia di campagna presenta due tipologie:

  • Campagna per l’installazione dell’app: che ha come obbiettivo l’installazione della nostra applicazione.
  • Campagna universale per app:

Questa tipologia di campagna presenta caratteristiche diverse dalle precedenti: una volta collegata l’app che si intende promuovere si dovrà inserire solamente qualche riga di testo descrittiva, un budget e un’offerta di partenza. Come elementi aggiuntivi si potranno inserire anche immagini e video, per rendere gli annunci più incisivi.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi